73 Views |  Like

La Cina…da sempre…vicina

Alessandra Pieroni

Negli ultimi anni si è sentito spesso dire “la Cina è vicina” soprattutto grazie ad avvicendamenti politici, economici e purtroppo pandemici, ma nell’arte questa vicinanza c’è da secoli. Ai giorni d’oggi la Cina è un forte contrasto abitata da un numero impressionante di ricchi, ed è conosciuta maggiormente per esportazione e produzione di prodotti a basso costo. Nel passato invece esportava per l’Occidente prodotti di lusso che solo i milionari dell’epoca potevano permettersi quali sete, ricami preziosi, interi servizi in porcellana, e nel contempo adornava con pezzi di superba fattura e la corte dell’Imperatore e il suo fastoso palazzo. Nella prossima asta milanese di Arte Orientale, che si terrà il 2 saranno esitate opere incantevoli per rarità e maestosità che confermano che l’arte e la bellezza sono senza confini e come si usa dire oggi sono “genderless”. Spiccano una grande e rara alzata in porcellana “Famiglia Rosa” a fondo giallo con bordo traforato, Dinastia Qing, marchio e del periodo Qianlong, proveniente da una nobile famiglia fiorentina e regalata agli antenati dell’attuale proprietario nel dopoguerra, ed una straordinaria coppa da libagione in corno di rinoceronte, lavorata a rilievo con motivo di sette Qilong, tarda Dinastia Ming, del XVII secolo, acquistata negli anni ‘70 nella sede storica milanese di via Montenapoleone della galleria Eskenazi. Da segnalare inoltre un’interessante selezione dipinti antichi esposti per un’esposizione temporanea in un museo italiano negli anni ‘50, una coperta in seta ricamata donata come regalo di nozze nel 1802 alla Regina Isabella di Borbone, e tramandata ad oggi agli eredi. Ed infine un piatto in porcellana bianca e blu dell’epoca Kangxi recante lo stemma della famiglia Ginori, proveniente direttamente dalla discendenza ereditaria di Lorenzo Ginori che lo ordinò in Cina alla fine del XVII secolo. Tutti i lotti sono inediti provengono da proprietà private italiane, peculiarità essenziale delle vendite di Asian Art, per offrire al collezionista quella esclusività che ha accompagnato la storia di questi pezzi nel corso dei secoli. La contemporaneità, infine, sarà presente con un’oggetto legato alla simbologia numerica cinese del numero otto, che in Cina è sinonimo di successo: verrà messa all’incanto per la prima volta al mondo una Sim card per cellulare il cui numero è x888888888. Questa scheda fa parte della categoria con numeri di cellulare esclusivi in tutto il mondo per la loro composizione numerica.