919 Views |  Like

Arredi

di Mauro Tajocchi

Il Dipartimento degli Arredi e Arti Decorative nel secondo semestre 2014 ha confermato la leadership del primo semestre con un risultato finale di 3.521.687 euro, che oltre alla dispersione degli oggetti appartenuti agli antiquari Gennaro Berger e Claudio Zanettin e la tradizionale asta di maggio, con quelli provenienti dalla dimora di una signora genovese del 24-25 settembre con un totale di 1.471.278 euro e una percentuale di venduto per lotti del 79.9% e per valore del 179.4%, e per finire con l’eclettica quanto eterogenea collezione di Madame e Monsieur X dell’11 e 12 novembre, che ha realizzato 1.177.996 euro con un percentuale di venduto per lotti del 87.6% e per valore del 255%
Una coppia di cassettoni napoletani della fine del XVIII secolo impiallacciati in legni vari piano in marmo con bordo modanato, decorati con riserve geometriche entro bordatura a nastro continuo intrecciato, sono stati realizzati molto probabilmente per un committente inglese. Stravagante e inedito in questi mobili è la decorazione a righe ottenuta alternando tessere di legno d’acero a tessere d’acero tinto verde. Spiccano su questo fondo, sulle facciate caratterizzate da ante che celano cassetti all’interno, due placche con scene dall’antico i cui modelli andranno cercati in quella sterminata messe di tavole illustrate dei volumi che costituirono l’immaginario neoclassico. Uniche e ricercate sono state esitate a 105.400 euro. Splendido risultato per una figura di nudo femminile rinascimentale di aggraziata quanto raffinata eleganza che ha raggiunto 74.400 euro, e una console in legno scolpito e dorato del XIX secolo con piano in marmo bianco con inserti in marmi policromi intarsiati a soggetti naturalistici con fiori, uccelli e vasi fioriti con supporto in forma di figura femminile e reggipiano con corpo ferino, venduta a 68.200 euro, ed infine un tavolo parietale romano del XVIII secolo in legno scolpito e dorato battuto a 55.800 euro.