1074 Views |  Like

Dipinti antichi

AntonioGesinoDi grande spessore il 2013 per i Dipinti Antichi, che confermano una leadership nel fatturato per dipartimento e che si dimostra il comparto più dinamico nell’offrire al collezionista una rosa di soluzioni sia per quanto riguarda le epoche che per i soggetti.

Di squisita piacevolezza nelle sue luci mediterranee vagheggiate dai connoisseur del Grand Tour settecentesco, è la Veduta di Nisida da Posillipo dello svizzero Abraham Rudolphe Ducros. Di solito conosciuto per soggetti dai toni coloristici bruni, in quest’opera egli schiarisce la sua tavolozza in morbidi passaggi chiaroscurali che arricchiscono i contrasti e vivacizzano i colori, dando alla scena un approccio nel contempo ottico quanto scenografico. Stimata 70.000 – 80.000 euro la tela è stata aggiudicata a 260.400 euro.

Di arcaica eleganza una tavola toscana dei primi decenni del Quattrocento, raffigurante la Madonna in trono e Santi con cuspide con Crocifissione, avvicinabile alla maniera dello Pseudo Ambrogio di Baldese – oggi riconosciuto in Lippo d’Andrea – che ancora denota un’adesione allo stile tardo-gotico, da un valore di 20.000 – 30.000 euro è stata battuta 111.600 euro.

Una Madonna col Bambino di Giovanni Bellini – detta Madonna Cook -, che Anchise Tempestini vede assai prossima ad Antonello da Messina per i suoi valori lumistici, e che per la struttura compositiva anticipa Giorgione e Tiziano, da una quotazione di 30.000 – 50.000 euro è stata esitata a 93.000 euro.