448 Views |  Like

Punk chaos to couture

Metropolitan Museum of Art New York

Punk! Eccessivi, trasgressivi, turbolenti, ribelli ma ferocemente romantici. Borchie, lucchetti, catene, piercing, pelle nera, pantaloni-bondage; cerei, bistrati, sgualciti, strappati: questi le loro ambigue e inafferrabili identità. Il movimento nato nei sobborghi di Londra all’inizio degli anni Settanta ha attraversato senza apparenti flessioni gli anni Ottanta e Novanta, divenendo oltre che una moda di costume una filosofia di vita. Senza speranza e animato da un nichilismo attivo, inteso come processo di distruzione degli ideali tradizionali, per rendere possibile una rinascita dei valori. I Sex Pistols e i Clash sono stati la loro bandiera musicale; Vivienne Westwood la stilista che ha tradotto nella moda la caduta di tutte le convenzioni per una felice contaminazione dello stile.
“Do it yourself” il loro motto per essere unici e creativi. Il Metropolitam Museum of Art di New York con la mostra Punk: Chaos to Couture (9 maggio – 14 agosto 2013) celebra il solco indelebile che questo groviglio disordinato di liriche emozioni ha lasciato nel mondo dell’haute couture e del pensiero contemporaneo.