Wannenes da record a Monte Carlo

Risultato straordinario per le due aste tenute a Monte Carlo nella Salle Belle Époque dell’Hotel Hermitage in collaborazione con Art Contact il 29 luglio: i due cataloghi  di “Dipinti del XIX secolo” (Collection de Tableux Belle Epoque) e di “Gioielli e Orologi Rari” (Bijoux & Montres Rares) hanno totalizzato 4.300.742 euro. La prima vendita che raccoglieva 37 opere provenienti da una importante collezione privata – che raccontano uno spaccato della vita e del gusto a cavallo tra Ottocento e Novecento, con tutta la joie de vivre e la fiducia nel progresso che contraddistinse la Belle Époque, hanno raggiunto 549.072 euro, con protagonista la museale tela Croisière di Raoul  Du Gardier (Wiesbaden 1871 – 1952), considerato uno dei più importanti pittori navali, che collaborò alla creazione del gruppo dei pittori en plein air

Grande successo per le aste di marzo 2019

Ottimo l’esito delle aste del 5-7 marzo 2019 che comprendevano i cataloghi “Da una importante collezione siciliana. Arredi, Ceramiche, Sculture, Oggetti d’Arte” (5 – 6 marzo) e “Dipinti Antichi e...

Continue reading →

Autunno di meraviglie tra Argenti Ceramiche e Arredi

“Argenti, Avori, Icone e Oggetti d’Arte Russa” del 12 novembre è il primo appuntamento delle aste autunnali, che prevedono anche, il 13 e 14 novembre, la vendita dedicata alla “Dimora...

Continue reading →

Le aste di marzo: arredi, ceramiche, oggetti d’arte, dipinti antichi

La stagione 2018 delle aste Wannenes inizia con gli Arredi, Ceramiche, Sculture e Oggetti d’Arte il 20 e 21 marzo che precede quella dedicata ai Dipinti Antichi e del XIX...

Continue reading →

Arredi, oggetti d’arte e dipinti: le aste di marzo

Il 7 e l’8 marzo Wannenes apre la stagione di vendite 2017 con le aste di arredi, sculture ed oggetti d’arte, ceramiche e vetri, a seguire una sessione di dipinti antichi e del XIX secolo. I lotti di ceramiche e vetri presentati a Genova costituiscono un interessante excursus tra materiali e fornaci diverse attraverso tre secoli di “arte del fuoco”, dal diciottesimo secolo fino al pieno Novecento. Tra le maioliche un bel piatto da parata pavese, decorato con un capriccio architettonico ed un molosso sul proscenio del paesaggio, databile ai primi anni del Settecento è stimato 2.200-2.600 euro, mentre tra le porcellane del diciottesimo secolo, una figura femminile dall’antico in biscuit di Napoli, forse ispirata agli affreschi di Stabia