Ottimi risultati per la prima vendita di Wine & Spirits che si è svolta negli affascinanti spazi del Chorus Café di Roma il 24 ottobre 2019 nell’ambito della manifestazione Roma Gambero Rosso Wine Weeks con un totale di 321.369 euro, con una percentuale di venduto per lotto del 71% e per valore del 161,5%.

Il 100% di venduto per le bottiglie provenienti dalla libreria privata di Masseto che insieme hanno totalizzato 82.000 euro (lotti 330 – 350), con il 150% di venduto per valore.

Top lot una verticale di 5 bottiglie di doppio magnum Masseto (2004-2008), in scatole originali, esitata a 13.750 euro (lotto 339), che precede un raro Romanée Conti Grand Cru 1970, Domaine de la Romanée-Conti, Côte de Nuits battuto a 8.125 euro (lotto 521) e un’imperiale Masseto del 2005 battuta a 7.500 euro (lotto 345).

Sono inoltre da segnalare, sempre di Masseto, un’imperiale del 2004 (lotto 344) e una verticale di 5  magnum 2004 – 2008 (lotto 336) entrambe esitate a 6.250 euro.  E ancora a 6.000 euro un’imperiale Masseto del 2008 (lotto 347) e del 2005 e 2007 a 5.625 euro. (lotti 347 e 350): infine sei bottiglie di Masseto 1999 a 4.375 euro (lotto 191) e 6 bottiglie 2001 a 5.250 euro (lotto 192).

Otto bottiglie del Barolo Monfortino Riserva 1945 di Giacomo Conterno sono state aggiudicate a 5.625 euro (lotto 34) e cinque bottiglie dell’Amarone della Valpolicella Classico Riserva 1993, Giuseppe Quintarelli sono state esitate a 1.625 euro (lotto 89). Cinque bottiglie di Ornellaia 2006 sono state battute a 1.187 euro (lotto 203), un doppio magnum Ornellaia 2005 anniversario dei 20 anni a 1.000  euro (lotto 201) e 6 bottiglie di Sassicaia del 1999 a 1.375 euro (lotto 215).

Un doppio magnum Le Pergole Torte 2015, Montevertine è stato aggiudicato a 812,50 euro (lotto 358) e quattro magnum di San Leonardo (2004, 2006, 2008, 2011) sono stati esitati a 500 euro (lotto 364).

Per quanto riguarda gli champagne meritano attenzione diciotto bottiglie Dom Pérignon Cuvée Vintage 2002, Edizione Andy Wharol, nelle confezioni originali  in cartone (lotto 419) battuti a 6.250 euro; sei bottiglie Don Perignon Cuvée Vintage del 1996 e una del 1993 vendute a 1.500 euro (lotto 401).

Tra la produzione francese spiccano le 12 bottiglie di Chateau d’Yquem 1985, Premier Cru Superior Classé, Sauternes (lotto 475) aggiudicate a 2.250 euro, una bottiglia di Petrus 2011 Grand Cru, Pomerol (lotto 507) battuta a 1.875 euro, e tre bottiglie di Chambertin Grand Cru 2001, Domain Armand Rousseau Côte de Nuits esitate a 4.375 euro (lotto 514).

Nella sezione whisky una rara bottiglia di Macallan – Genlivet Single Malt 35 years old 1938, Gordon&Macphail (lotto 568) è stata aggiudicata a 4.000 euro; un Macallan 1964, OB imbottigliato nel 1981 a 3.500 euro (lotto 570); un Ardbeg 15 years old, Gordon&MacPhail Connoisseurs Choice a 2.250 euro (lotto 566), e un Bowmore Bicentenary 1979, OB Islay nella cassa originale in legno a 1.875 euro (lotto 560).