981 Views |  Like

Villa Chigi: gioiello Rococò

“In origine era una vigna fuori porta Salaria, in località detta Monte delle Gioie dove sorgeva un nobil casino”.

Quando il Cardinale Flavio Chigi II l’acquistò per 3000 scudi era il 1763. Nel 1766 la visita di papa Clemente XIII testimonia che l’edificio era ormai stato trasformato in un elegante villa suburbana, splendida testimonianza del gusto artistico e abitativo in auge a Roma durante l’età rococò. In questi ambienti raffinatissimi, di cui possediamo alcuni scatti fotografici realizzati da don Francesco Chigi all’inizio del secolo scorso, s’intercalavano al piano terreno i paesaggi di Paolo Anesi, coadiuvato nei brani di figura da Paolo Monadi oggi in collezione Sacerdote.

Le quattro tele, già note agli studi ed accompagnate da una felice storia critica, rappresentano senza dubbio il vertice della produzione di Anesi ed uno dei cicli pittorici più importanti del paesaggismo romano.