805 Views |  Like

Arte Orientale

Il dipartimento di Asian Art, con un totale di 583.354 euro e un venduto per lotto del 56.6% e per valore del 98.2%, chiude il 2018 in modo del tutto soddisfacente, merito certo anche della sempre più ampliata clientela internazionale che raggiunge il 91% del fatturato.
Spicca il risultato ottenuto l’abito imperiale con draghi ed i “dodici simboli” realizzato a Jifu nel periodo Jiaqing (1796 – 1820) – terzo top lot nella storia del dipartimento – esitato a 212.500 euro Ma ricordiamo uno scettro cinese in zitan intagliato con in cloisonnè, della dinastia Qing, periodo Qianlong (1736 – 1795) aggiudicato a 118.750 euro, ed ancora un vaso da cerimonia tibetana “Bembaping” in porcellana “Famiglia Rosa” a fondo turchese, databile alla dinastia Qing e battuto a 93.750 euro, un vaso cinese “rouleau” in porcellana bianca e blu, dinastia Qing, periodo Kangxi (1662 – 1722) aggiudicato a 32.500 euro. Medesimo risultato per un vaso Meiping smaltato in verde – mela della dinastia Ming (1568 – 1644): infine un versatoio tripode in bronzo da rituale per il vino databile alla dinastia Shang, XII-XI secolo a.C., è stato battuto a 18.750 euro.

Scettro in legno zitan con inserti di giada Cina, tarda dinastia Ming, XVII secolo Aggiudicato a € 118.750