72 Views |  Like

Il Quirinale, Massimo Listri & gli NFT

di Guido Wannenes

L’ultimo anno è stato vissuto da tutti noi all’insegna del cambiamento. Lavoro, abitudini, vita vissuta, tutto è stato rivisto, rimodellato, adattato ad un contesto nuovo e anche il nostro magazine, che altro non è che lo specchio delle nostre passioni, non poteva non cambiare.
La cover story di questo numero non è infatti dedicata ad un lotto in asta ma al Palazzo del Quirinale, uno dei simboli del nostro paese che potrete ammirare grazie alle splendide fotografie di Massimo Listri, amico caro e maestro indiscusso della fotografia di architettura e di ambiente.
Proseguiamo con l’intervista a Barbara Jatta, direttore dei Musei Vaticani, che siamo abituati a declinare al plurale perché sono un complesso di collezioni uniche ma tutte diverse tra loro. E con quella a Gabriele Ciaccio, leader con la sua Big Broker Insurance del comparto assicurativo dedicato alle opere d’arte e al comparto luxury.
Il bilancio dello scorso anno ci rivela anch’esso un cambiamento. Il 2020 è stato infatti l’anno dove la partecipazione in asta via web ha superato quella con metodi tradizionali come testimoniano i numeri: 65% di aggiudicazioni on line e 35% tramite sala, telefono o offerte scritte.
Come tutto questo cambierà il futuro possiamo iniziare a capirlo grazie agli editoriali di Alessandri Secciani, che ci pone davanti ad un dilemma econo-mico stimolante e di Giuseppe Calabi, grazie al quale approfondiremo i due nuovi strumenti di autenticazione digitale, la blockchain e gli NFT.
E se Roberta Olcese ci fa “viaggiare” tra gli scatti della collezione Thomas Walther esposta al Masi di Lugano fino al 1 agosto, Tomaso Montanari ci permette di riflettere sull’importanza di guardare le nostre antiche chiese con un occhio diverso.
Le preview spaziano dai vini più pregiati ai grandi nomi del design, passando per l’arte moderna, gli argenti, le ceramiche, le sculture, i dipinti antichi e del XIX secolo e terminano con i gioielli e gli orologi a Monte Carlo a cui si aggiungerà quest’anno un’importante selezione di borse di Hermes.
Perché nonostante tutto sia cambiato le nostre passioni sono sempre le stesse ed anzi nel secondo semestre del 2021 avranno un respiro ancora più internazionale.