275 Views |  Like

Il Filo della Storia

David Sorgato

L’asta di Tappeti e Tessuti Antichi presenta una selezione eclettica che spazia dal 1500 al 1960 circa di un ‘mestiere’, quello della tessitura, che è molto antico ed è prodotto nei secoli in quasi tutti i continenti, in quasi tutti i paesi.
Un catalogo che si presenta come un libro dedicato al mondo dell’arte annodata e tessuta da sfogliare per conoscere la storia, dove la prima pagina è dedicata ad un arazzo Millefleures dai toni caldi e avvolgenti della manifattura di La Marche, realizzato in Francia nel XVI secolo, mentre la seconda presenta un arazzo fiammingo Oudenarde del 1600 circa che narra la storia del giovane David davanti al Re Saul – uno degli episodi più famosi della Bibbia – che simboleggia che la fede e del coraggio trionfano sulla violenza bruta.

Dal Portogallo un ricamo di Arraiolos del 1750 circa, attribuibile alla manifattura del convento di Paraizo a Évora – capoluogo della regione centro-meridionale dell’Alentejo – e un tappeto sempre ricamato del 1900 circa, decorato con frutti. E ancora un bel ricamo inglese, un tappeto floreale di Aubusson, due rari Kilim Bessarabia, dei Kilim tribali dalla Anatolia, e due Kilim Qashga’i di notevole valore artistico, un Kilim Senneh e i Sofreh, tovaglie tribali dal gusto contemporaneo.

Non mancano i tappeti per ‘eccellenza’ del Caucaso e della Anatolia, una selezione di tappeti persiani decorativi di grande pregio tra questi una serie di magnifici esemplari in finissima seta, ed esemplari provenienti dall’Asia Centrale, dalla Cina e dal Tibet.
Per quanto riguarda le sete cinesi e giapponesi, infine, emergono tre kimono di notevole bellezza, e per l’Africa un tessuto ricamato di finissima fattura proveniente dall’Algeria, e due tappeti marocchini “Boucherouite” del 1950.