663 Views |  Like

HELMUT NEWTON IL PIACERE DELL’ATTIMO

GAM Torino

La bellezza per Helmut Newton è sempre estrema e teatrale. La vita stessa è una messa in scena di personaggi che vivono tra realtà e finzione, dove il corpo è il flessibile strumento per attraversare con ambiguo e ironico talento le più recondite pulsioni carnali. La donna è mistero e gioia, tabù e tenerezza, forza e dolcezza.
I suoi set sono lussuose stanze d’albergo, anonimi motel, ma anche il garage del suo condominio a Monte Carlo. Ogni fotogramma è parte di un film che racconta vite eccentriche ed esclusive, felicemente dissolute nella consapevolezza che nel piacere dell’attimo si possa cogliere un frammento di eternità strappato allo scorrere del tempo.
Trasgressiva e provocante, la fotografia di Helmut Newton emana una tensione erotica d’irriverente e fanciullesca giocosità.
Il suo bianco e nero è inciso come quello creato per Marlene Dietrich dal grande regista tedesco Josef von Sternberg per film memorabili come L’angelo azzurro e Marocco, mentre il colore è intenso e ambiguo come quello di Querelle de Brest l’ultima struggente opera di Rainer Werner Fassbinder.
La Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino (GAM) fino al 27 settembre 2020 ospita “Helmut Newton. Works”, una retrospettiva promossa da Fondazione Torino Musei e prodotta da Civita Mostre e Musei con la collaborazione della Helmut Newton Foundation di Berlino, che attraverso 68 iconici scatti racconta cinque decenni della sua straordinaria ricerca artistica.