603 Views |  Like

Argenti, avori, icone e oggetti d’arte russa

I collezionisti russi, cinesi e turchi l’hanno fatta letteralmente da padrone nelle acquisizioni del primo semestre 2012. Non hanno avuto rivali, con risultati ottimi ed anche, talvolta, eccellenti.

Gli argenti russi, niellati o smaltati, hanno confermato il trend molto positivo di questi ultimi anni: aggiudicazioni ben oltre la riserva con exploit di rilievo come i quattro bicchieri in argento di S.Pietroburgo dell’orafo P.A. Moller aggiudicati per 7.192 euro.

Importante per i numeri, l’interesse per le icone russe: 100% di venduto con aggiudicazioni quattro volte superiori la riserva: Un esempio su tutti, l’icona raffigurante la Vergine di Korsun arricchita da una riza in argento dorato datata Mosca 1816 e venduta per 13.020 euro.
Spostandoci ad Est, i collezionisti cinesi, oltre le giade, le ceramiche e gli avori, hanno decisamente puntato sugli argenti: un servizio da tea composto di cinque pezzi, degli inizi del XX secolo, è stato esitato per 10.168 euro.

A dimostrazione di un interesse internazionale per l’offerta di Wannenes è da segnalare infine l’ottimo risultato di una caraffa in argento turca degli inizi del XX secolo aggiudicata a 32.240 euro.