450 Views |  Like

Argenti, Avori, Icone e Oggetti d’arte Russa

di Tommaso Teardo

Il mercato internazionale risponde con sempre maggior interesse all’offerta degli Argenti, avori, icone e arte russa per il 2012, un trend che trova le sue basi da un’offerta eterogenea ma selettiva in ogni tipologia che la compone. Per quanto riguarda gli argenti ad esempio, una coppia di grandi candelabri in elaborato gusto rocaille, con fusto a volute con putto e braccia decorate a motivi naturalistici, realizzati dall’orafo De Luca nel XX secolo, da una quotazione di 14.000 – 16.000 euro ha raddoppiato ampiamente la stima massima con 39.680 euro. Miglior risultato dell’anno per questo segmento un’elegante caffettiera romana realizzata dall’orafo Grazioli nella seconda metà del XVIII secolo dal corpo liscio piriforme poggiante su tre piedini, boccaglio ad aquila con attacco antropomorfo, manico in legno e coperchio a cimasa a ghianda, che partendo da 4.500 – 5.500 euro ha visto accrescere la propria stima di ben nove volte raggiungendo 49.600 euro.
Per quanto riguarda gli avori è da sottolineare una delicata Pietà di manifattura tedesca del XVII secolo – dove l’artista riprende l’impianto compositivo michelangiolesco – con un’aggiudicazione di 7.688 euro.
Un’arcaica icona greca del XVII secolo, infine, raffigurante la Vergine Odighitria ha visto lievitare la stima iniziale di 5.000 – 6.000 euro a 29.760 euro.