1072 Views |  Like

Alla ricerca di una preziosa ossessione

L’asta di Gioielli e Orologi del 30 maggio offrirà agli appassionati un panorama ampio ed esaustivo dell’alta gioielleria italiana e internazionale, insieme a una selezioni di orologi di grande pregio. La grande tradizione all’eccellenza di Bulgari sarà rappresentata da un anello “Trombino” in platino, zaffiro e diamanti del 1960 circa, dove la parte superiore con uno zaffiro birmano non riscaldato “pan di zucchero” di 10 carati circa, su montatura in diamanti taglio baguette e brillante. Riferibile sempre agli anni ’60 un bracciale firmato Cusi, semi-snodato in rubini e diamanti, eseguito con tre file di brillanti alternate a fiori in rubini tagliati a goccia con al centro un brillante, e sempre del gioielliere milanese, una spilla in oro, platino, rubini e diamanti, disegnata come un tralcio fiorito in diamanti taglio brillante e baguette con i fiori in gocce di rubini.
La maison Cartier è rappresentata da una spilla panthère in platino, onice, smeraldi e diamanti, modellata come una pantera in movimento, il corpo interamente in pavé di brillanti con inserti in onice, gli occhi con due gocce di smeraldi.
Facendo un salto indietro fino alla fine del XIX secolo, è incantevole un pendente in oro argento, perla naturale blister di 19 carati, smeraldo e diamanti, realizzato con motivo a volute in diamanti di taglio vecchio con al centro uno smeraldo rettangolare e perla naturale blister a goccia. Degli anni ’20 del XX secolo un lungo sautoir in oro, argento, perline e tormalina di Buccellati interamente realizzato con una serie di perline alternate a rondelle in argento e oro con rose di diamante, al centro una tormalina tagliata a goccia entro cornice in oro argento e rose di diamante con lavorazione a volute. Infine, per l’alta orologeria spicca un’elegante orologio da polso in acciaio, Rolex Oyster Cosmograph Daytona, ref 6263, della metà degli anni ’70.