159
A VIOLET VENEERED BUREAU, GENOA, 18TH CENTURY; WEAR, SOME DAMAGES, LOSSES AND REPLACEMENTS, SCRATCHES
decorato con motivi a quadrifoglio entro riserve mistilinee in legno contrapposto e filetti in bois de rose, impianto sagomato nei fianchi e nel fronte con due grandi cassetti e due più piccoli superiori, anta calatoia con scarabattolo interno a sei piccoli cassetti, vani a giorno e sportello centrale con segreto interno, montature in bronzo dorato; usure, alcune screpolature, rotture, mancanze e sostituzioni nell'impiallacciatura, graffi, montature da fissare
Alt. cm 110, larg. cm 125, prof. cm 60
Estimate € 20,000 - 30,000
Questo 'bureau', finemente impiallacciato in legno violetto e ornato dai tipici intarsi a quadrifoglio, si caratterizza per l'elegante bombatura, oltre che per la presenza di alcuni accorgimenti estetici, che ne indicano l'alto livello esecutivo. Se è vero, così come scrive Ludovico Caumont Caimi (L. Caumont Caimi, 'L?ebanisteria genovese del Settecento', Parma 1995, pag. 127, n. 72), che lo spigolo superiore dei montanti è arrotondato, cosa raffinata ma non rara nel panorama della migliore produzione genovese, ciò che appare particolarmente sofisticato e raro, è l'elegante e originale sagomatura asimmetrica del grembiale.

Bibliografia:
L. Caumont Caimi, 'L?ebanisteria genovese del Settecento', Parma 1995, pag. 127, n. 72