502
PITTORE DEL XVII-XVIII SECOLO
Natura morta con mele, pesca, limone e ciliegie
Olio su tavola, cm 19X26
Estimate € 2,500 - 3,500
Il dipinto raffigura un piano in pietra dove sono posate alcune ciliegie e un piatto con mele e un limone. Il brano pittorico di bella qualità e conservazione si staglia sul fondale scuro ed è modellato da una luce di gusto caravaggesco, che descrive le superfici e delinea le forme. La costruzione scenica evoca i modelli arcaici della natura morta romana e in modo particolare le opere di Agostino Verrocchi (Roma, 1586 circa - 1659). In particolare se osserviamo alcuni dettagli delle opere a noi note, come a esempio 'La Natura morta con frutta e ortaggi' già della collezione Subert e 'La Natura morta con frutta già della collezione Romignoli' (cfr. G. Bocchi, U. Bocchi, 'Pittori di natura morta a Roma. Artisti italiani 1630-1750', Viadana 2005). Dell'artista possediamo pochi dati biografici e lo sappiamo registrato negli Stati d'Anime della parrocchia romana di San Lorenzo in Lucina tra il 1619 e il 1636 (cfr. Mina Gregori, in 'Paragone', XXIV, 275, 1973), per poi, forse soggiornare a Napoli. Lo stile dell'artista, come vediamo, affonda la sua formazione sugli esempi arcaici della natura morta capitolina, guardando certamente gli esempi del Maestro di Hartford aggiornando le sue composizioni in chiave barocca sull'esempio di Michelangelo Cerquozzi.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25