Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

L’asta di “Design e Stile Italiano” del 17-18 dicembre 2018 – ultimo appuntamento tradizionale dell’anno e seguito da un appassionato pubblico italiano ed internazionale – ha totalizzato 1.190.433 euro, con una percentuale di venduto per lotto del 69.9% e per valore del 209.6%

Nella sezione “Design” spiccano tre oggetti prodotti da Cassina degli anni ’50: la prima una coppia di poltrone di Carlo de Carlo del 1954 (mod.802) in ottone, legno, vipla imbottita, aggiudicate a 47.600 euro (lotto 336), che precedono un’essenziale divano di Ico Parisi del 1955 (mod.856) in metallo verniciato e vinilpelle (lotto 316), esitato a 25.100 euro, ed infine, a a 20.100 euro, una coppia di poltrone di Gianfranco Frattini (modello 831) del 1955 (lotto 340), e un grande divano modulare di Uli Berger & Eleonore Perduzzi Riva e Kaus Vogt per De Sede del 1972 (lotto 435).

Da evidenziare di Ico Parisi una coppia di poltrone mod. 865 per Cassina del 1955 in metallo verniciato e vinilpelle imbottita, aggiudicate a 18.850 euro (lotto 317); una poltrona di Gio Ponti (mod. 811), sempre per Cassina del 1957 (lotto 344) battuta a 16.350 euro, e  di Ettore Sottsass la Libreria modello “Liana”, in legno laccato, impiallacciato, cristallo molato e colorato per Meccani di Cascina del 1993 esitata a 12.600 euro (lotto 421), oggetto di travolgente creatività che rappresenta al meglio quella contaminazione di stili estetici, filosofici e culturali che alla metà degli anni Ottanta prende il nome di “Postmoderno”. Una nuova classicità pop e bizzarra che scardina il concetto di utilità per sposare quello del gioco, della provocazione leggera e fantastica.

In evidenza un divano di Gio Ponti (modello detto “per casa Ceccato”) prodotto da Cassina negli anni ’50 in legno e tessuto imbottito aggiudicato a 10.725 euro (lotto 383), e tre lampade a sospensione: la prima di Stilnovo degli anni ’50, in ottone, alluminio verniciato e vetro opalino satinato (lotto 114),  la seconda di Tommaso Balbi anni ’70 in ottone martellato (lotto 233), la terza di Gilardi & Barzagli anni ’50 in ottone e alluminio verniciato (lotto 309), tutte a 10.100 euro.

Per “Stile Italiano” si impone per il suo stile anni ’60 il ‘mitico’ apparecchio stereo mod. RR126 Brionvega del 1965 di Achille e Pier Giacomo Castiglioni esitato a 5.100 euro (lotto 689), davanti ad un divano modulare Sistema 61 di Giancarlo Piretti per Anonima Castelli del 1973 (lotto 632) in gommapiuma e tessuto, venduto a 2.850 euro, ed infine ad una coppia di poltrone anni ’50 attribuite a Osvaldo Borsani, in legno e velluto imbottito aggiudicate a 2.600 euro (lotto 774).